Articolo in evidenza
VERIFICA PIATTAFORMA_immagine

Verifica piattaforma L6

Durante la presentazione della piattaforma L6 ci eravamo ripromessi di verificare l’operato dell’amministrazione e di aggiornare la cittadinanza rispetto agli impegni che erano stati sottoscritti dagli allora candidati a sindaco.

Nelle scorse settimane, quasi due anni dalla sottoscrizione della piattaforma L6, siamo stati ricevuti dal Sindaco Alberto Rostagno e con il primo cittadino abbiamo ripreso in mano la piattaforma da lui firmata durante la serata di presentazione e abbiamo verificato a che punto siamo arrivati.
Nel file che potete consultare qui sotto vi presentiamo i risultati di questo primo momento che si tradurrà più avanti in un momento pubblico aperto a tutta la cittadinanza per confrontarci sul percorso compiuto.

Il presidio “Luigi Ioculano”

rassegna-stampa

RASSEGNA STAMPA – CONFRONTO CANDIDATI A SINDACO

Rassegna stampa di Lunedì 5 maggio 2014 dopo la conferenza stampa fatta venerdì scorso

Articolo da “Il fatto quotidiano”

Articolo da “Il quotidiano canavese”

Articolo da “Localport”

Servizio di “ObiettivoNews”

Da "La Sentinella"

Da “La Sentinella”

Da "Il Risveglio popolare"

Da “Il Risveglio popolare”

Da "Il Canavese"

Da “Il Canavese”

_DSC0050

Confronto sulla piattaforma L6 Rivarolo

A partire dalle 21.00, presso la sala conferenze ex manifattura Vallesusa, si è svolto lunedì 12 maggio il confronto tra i 5 candidati a sindaco per il comune di Rivarolo Canavese davanti ad una platea di oltre 250 persone.
_DSC0083_DSC0016
I candidati Alberto Rostagno (Rivarolo Rinasce) e Marina Vittone (Rivarolo Sostenibile) hanno sottoscritto in toto la piattaforma L6 Rivarolo.
_DSC0091
Alberto Chiapetto (M5S), ha firmato tutti i punti apportando alcune postille.
_DSC0097
Renato Navone (Rivarolo e Frazioni) ha firmato tutti i punti tranne i 2.
_DSC0011
Martino Zucco Chinà (Riparolium) non ha firmato nessuno dei punti.
Per la prima volta Libera ha presentato una piattaforma ai candidati a sindaco di un comune commissariato in seguito al decreto di scioglimento per presunte infiltrazioni mafiose e per la prima volta uno dei candidati non ha sottoscritto alcun punto, rifiutando in toto le proposte avanzate da Libera, affermando che “ la legalità è un tecnicismo per burocrati”. _DSC0041 _DSC0047